21 Marzo 2017 - 18:16
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie
  • 21 marzo, in marcia contro le mafie

Le immagini della marcia da Caravaggio a Treviglio organizzata dal presidio di Bergamo di Libera per la XXII "Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime della mafia", alla quale hanno partecipato numerose scuole del territorio e alcuni enti locali, come i comuni di Caravaggio, Cologno al Serio e Treviglio. Per il Galilei erano presenti le classi 1aG, 1aM, 2aC, 3aC, 3aN e 4aE.

Durante il percorso sono stati letti i nomi delle circa 900 vittime innocenti delle mafie e a ogni sosta si sono aggregate scuole dell'area di Treviglio o di altri punti della provincia. La marcia si è conclusa all'interno del cortile degli istituti "Zenale e Butinone" e "Simone Weil", dove è stato intitolato ad Antonio Montinaro, uno dei tre uomini della scorta del giudice Giovanni Falcone, il passaggio che dà accesso a quell'area. Allo scoprimento del cippo era presente anche la vedova dell'agente di polizia ucciso il 23 maggio 1992 a Capaci.