28 Maggio 2017 - 08:25
Grunnlovsdagen, il giorno più atteso dell'anno

Diario dalla Norvegia/6

di Giorgia Fleischmann

I brasiliani hanno il carnevale, gli irlandesi hanno Saint Patrick’s Day. E la Norvegia? Ha il Grunnlovsdagen, il 17 di maggio, giorno in cui si commemora la firma della costituzione nel 1814. È il giorno più atteso dell’anno, senza eccezioni d’età.

Al contrario di molti altri paesi, che festeggiano il loro giorno nazionale con parate militari, in Norvegia è una festa per tutti, in particolare per i bambini. Prima di uscire nelle strade e iniziare una lunghissima giornata di gelati, birra e musica, la tradizione prevede una colazione con uova strapazzate, salmone affumicato e champagne.

Grunnlovsdagen, il giorno più atteso dell'anno

 

Poi si dà il via alle parate, iniziando con quella dedicata ai bambini e ai ragazzi, dall’età di 6 ai 18, divisi in base alla scuola di provenienza. La parata è preceduta da discorsi tenuti dai bambini e il canto dell’inno nazionale “Ja, vi elsker dette landet”, che significa “Si, amiamo questo paese”. Ad aprire le file è una banda musicale, seguita da ogni studente che ha voglia di camminare per un’ora con delle scarpe piuttosto scomode. Centinaia di persone guardano la parata dai lati delle strade, gridando “Hurra!” e sventolando piccole bandiere. È anche l’occasione per indossare dei bellissimi (e costosissimi) costumi nazionali. Sono chiamati “bunad” e ogni regione della Norvegia ha una propria personificazione di colori, trama e stile. Solitamente vengono acquistati il giorno della cresima, e il costo si aggira intorno alle 40.000 corone, che corrisponde all’incirca a 4.300 euro.

La seconda parata della giornata viene tenuta dagli studenti all’ultimo anno di scuola superiore, che vengono soprannominati “russ”. È una tradizione a pieno titolo, che non ha eguali in nessun altro paese. A un mese dal 17 di maggio, ogni studente all’ultimo anno inizia a indossare il proprio completo da “russ” che include dei pantaloni/divisa dal colore rosso, blu o nero, e vari extra, tutto acquistabile solo su un sito norvegese (http://shop.russeservice.no/webshop/hovedside/). L’ultimo giorno in cui viene indossato questo completo è proprio il giorno della festa nazionale, quando si esibiscono in una loro parata, con propri furgoncini o addirittura dei bus. Non serve dire che il costo di questa tradizione è altrettanto esorbitante. Durante questa parata potete chiedere ai maturandi un “russekort”, una sorta di biglietto da visita, con informazioni personali e frasi scherzose.

Grunnlovsdagen, il giorno più atteso dell'anno

 

Gelati e hot-dogs sono la dieta prediletta in questo giorno di festa, mentre ci si aggira per le strade del paese, scattando foto, salutando conoscenti e congratulandosi a vicenda con la frase “gratulerer med dagen!”, che è la stessa frase che viene utilizzata per augurare buon compleanno.

È un giorno davvero speciale per essere in Norvegia e tuffandosi nelle strade non si può che farsi travolgere da un senso di forte patriottismo per il paese più felice al mondo del 2017.

Parole chiave